Uno divertente spettacolo in stile Menoventi (dei quali l’anno scorso avevamo visto “Perdere la faccia”) dal sottotitolo “Capriccio alla Hoffmann”.