Un western stanco e a tratti patetico, considerato che nel 1969 il genere cominciava a far intravedere i prodromi dell’epopea degli spaghetti all’italiana. La sceneggiatura sembra scritta da Bonelli e il protagonista è senza dubbio troppo avanti negli anni.